fbpx Skip to content

Tu leggi? Io scelgo! #7

Tu leggi? Io scelgo! #7

Buongiorno lettori, oggi torna la rubrica Tu leggi? Io scelgo! Questo mese la mia scelta è ricaduta su un blog che seguo da tempo, quello di Dolci de Le mie ossessioni librose. Ero indecisa su cosa leggere, abbiamo gusti diversi ma qualcosa in comune lo si trova sempre con un po' di elasticità mentale. Così alla fine ho optato per Caraval!


caravalCaraval. Caraval #1

Ricorda, è solo un gioco...

Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l’imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga.

E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l’aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall’isola e dal suo destino… Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l’edizione di Caraval che sta per iniziare ruota intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella.

Eppure, sogno e veglia iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la porterebbe a perdere Tella per sempre…

RECENSIONE

È impensabile per me dover arrivare al 70% di un libro prima che la storia inizi a decollare. Caraval è così, lento e noioso per buona parte del testo. La protagonista poi, Rossella detta Sella, non aiuta a far sì che Caraval resti un libro indimenticabile.

Cosciente del fatto che tirerò su di me le ire di molte blogger che hanno letto e amato Caraval, c’è da dire che nell’ultima parte si riscatta di quasi tutta la noia precedente. Sella e Tella sono due sorelle che vivono nel terrore che incute loro il padre. Severo, subdolo e cattivo le due sorelle sognano di andare a Caraval e questo avviene una settimana prima del matrimonio di Rossella. Arrivati sull’isola però Donatella scompare e l’unico obiettivo di Rossella è quello di trovarla e riportarla a casa prima che salti il matrimonio.

La realtà in cui ci troviamo è una mescolanza di magia e realtà, non si capisce dove sia la finzione e dove invece inizi la realtà e viceversa. Caraval è descritto molto bene, con le sue regole e i suoi tempi ma a rovinare l’ambientazione è la presenza di Rossella che non fa altro che piangersi addosso per il 65% del tempo. Ad un certo punto però sembra che le venga fatto un incantesimo e per magia, appunto, riesce finalmente a darsi una svegliata. Da quel momento in poi la storia è serrata, mantiene un buon ritmo e la scomparsa di Donatella acquista un senso.

A far da spalla alla sprovveduta troviamo Julian, che spero di ritrovare in Legend e così in Finale. Legend, dal canto suo, più mito che uomo mi è sembrato una figura losca e poco chiara. Ne voglio sicuramente sapere di più ma non subito. Devo prima metabolizzare questo e capire se vale la pena proseguire la lettura della trilogia.

Se volete recuperare tutti gli appuntamenti potete farlo qui!

Scroll To Top