Rainbow Book Club | Il castello tra le nuvole

Rainbow Book Club | Il castello tra le nuvole

Ciao arcobaleni! Non è proprio un periodo felice per il Rainbow Book Club, vero? Gli ultimi libri si son rivelati una delusione per me. Anche Il castello tra le nuvole non mi ha convinta come speravo!


Il castello tra le nuvoleIl castello tra le nuvole

Che diciassette anni sia un'età meravigliosa lo dice solo chi li ha passati da un pezzo. Lo sa bene Fanny Funke che nella sua vita improvvisamente non ha trovato più niente che andasse per il verso giusto: amici, genitori, scuola...

Al punto da decidere di mollare tutto e di andare a fare uno stage in un albergo. Di sicuro però non sapeva dove sarebbe finita nel luogo più sperduto delle Alpi svizzere in un Grand Hotel indubbiamente suggestivo ma chiaramente in rovina e con una clientela a dir poco variegata, fra oligarchi russi, industriali americani, scrittori di gialli, attrici, ex atlete olimpioniche e, per fortuna, almeno un paio di bei ragazzi. E dove, in qualità ultima arrivata, le tocca subire le angherie di alcune colleghe, le pretese tiranniche del proprietario e l'irritante comportamento dei bambini ai quali deve fare da babysitter.

Ma quella che minaccia di diventare una faticosissima routine, si tramuta ben presto in una straordinaria avventura, quando l'atmosfera festosa dell'hotel viene stravolta da un tentato rapimento, che farà capire a Fanny di chi può veramente fidarsi e che cosa cerca veramente nella vita...

RECENSIONE

Dopo tanti anni rileggo un libro di un’autrice che mi aveva, ai tempi, ammaliato. Sto parlando di Kerstin Gier e del suo Il castello tra le nuvole. Questa volta mi trovo concorde con molte delle recensioni lette, perché questo romanzo non è particolarmente interessante per grandissima parte della sua lettura.

Dobbiamo aspettare infatti il 79% del romanzo digitale affinché l’azione prenda il sopravvento e Fanny Funke, praticante del castello tra le nuvole, finalmente si svegli dal torpore che la caratterizza.

Di un’ingenuità quasi disarmante è lei la protagonista di questo fantasy-thriller-mistery o come vogliamo classificarlo. Ha deciso che non vuole diplomarsi, con gran disappunto dei genitori, ed è partita alla volta dell’hotel incastonato tra le alpi svizzere. Il suo lavoro al castello tra le nuvole non si limita a quello della cameriera ma diventa all’occorrenza bambinaia e qualsiasi cosa serva in quel momento.

Arrivati finalmente al 79% del romanzo però finalmente si ha una svolta e Fanny sarà l’eroina che dovrà salvare una bambina da un tentato rapimento. Ovviamente non è in grado di farcela da sola, motivo per cui è stata dotata non di una bensì di due spalle: Tristan, ospite dell’hotel e Ben, figlio dell’antipatico proprietario.

Come detto Il castello tra le nuvole è per la maggior parte molto noioso per finire poi tutto in un attimo. Non si ha nemmeno il tempo di assimilare le informazioni che ci vengono date nel 20% di romanzo finale che ci ritroviamo a leggere la parola FINE.

Quando l’anno scorso ho comprato la Trilogia delle Gemme pensavo che avrei trovato l’autrice che tanto mi aveva coinvolta ma leggendo Il castello tra le nuvole quasi ho paura di riprenderli in mano rischiando di restarne delusa.