fbpx Skip to content

Rainbow Book Club | Da dove la vita è perfetta

Rainbow Book Club | Da dove la vita è perfettaRainbow Book Club | Da dove la vita è perfetta

Ciao arcobaleni! Per il mese di Ottobre ho letto Da dove la vita è perfetta, terzo romanzo di Silvia Avallone. Potete seguire le precedenti e le prossime letture nella pagina dedicata al Rainbow Book Club.


Rainbow Book Club | Da dove la vita è perfettaDa dove la vita è perfetta

C'è un quartiere vicino alla città ma lontano dal centro, con molte strade e nessuna via d'uscita. C'è una ragazzina di nome Adele, che non si aspettava nulla dalla vita, e invece la vita le regala una decisione irreparabile.

C'è Manuel, che per un pezzetto di mondo placcato oro è disposto a tutto ma sembra nato per perdere. Ci sono Dora e Fabio, che si amano quasi da sempre ma quel "quasi" è una frattura divaricata dal desiderio di un figlio. E poi c'è Zeno, che dei desideri ha già imparato a fare a meno, e ha solo diciassette anni.

Questa è la loro storia, d'amore e di abbandono, di genitori visti dai figli, che poi è l'unico modo di guardarli. Un intreccio di attese, scelte e rinunce che si sfiorano e illuminano il senso più profondo dell'essere madri, padri e figli. Eternamente in lotta, eternamente in cerca di un luogo sicuro dove basta stare fermi per essere altrove.

Silvia Avallone ha parole come sentieri allungati oltre un orizzonte che davamo per scontato. Fa deflagrare la potenza di fuoco dell'età in cui tutto accade, la forza del destino che insegue chi vorrebbe solo essere diverso. Apre finestre, prende i dettagli della memoria e ne fa mosaici. Sedetevi con lei su una panchina e guardate lontano, per scoprire che un posto da dove la vita è perfetta, forse, esiste.

RECENSIONE

Da dove la vita è perfetta? Io non l’ho mica capito… o meglio, l’ho capito solo per quel che riguarda il romanzo ma per il resto direi proprio di no.

Dopo Acciaio e Marina Bellezza è stato il turno dell’ultima creatura di Silvia Avallone che però non mi ha fatto impazzire. Intanto la storia. Le storie.

Quella di Adele, incinta a 17 anni. Quella di Dora che invece non riesce ad avere un figlio e per lei è peggio che essere nata senza una gamba. E poi quelli intorno. Zeno, Rosaria, Serena, Fabio, Manuel.

Da dove la vita è perfetta mi ha ricordato per ambientazione proprio Acciaio, dove una periferia era la protagonista assoluta del romanzo. Il degrado, la droga sono lo sfondo perfetto per questa storia dove un’Adele di appena diciassette anni resta incinta di un delinquente.

Se ho adorato la storia di Adele ho odiato quella di Dora. Penso di aver incontrato pochissime protagoniste odiose come lei. Non avere un figlio è un dramma per lei. Tutto gira intorno alla possibilità di diventare madre. Come se non ci fosse niente di più importante.

Eh no, non lo capisco. Io che figli non ne voglio avere non capisco come questa esigenza sia più importante di tutto il resto. Se avessi avuto una suddivisione in capitoli avrei saltato quelli di Dora senza rimpianti.

Questo libro ti regalerà 10 punti se deciderai di leggerlo per la challenge!

Scroll To Top