[RECENSIONE] Fate il vostro gioco. Rocco Schiavone #7

Finalmente ho recuperato la prima parte degli ultimi romanzi di Antonio Manzini, Fate il vostro gioco. Il romanzo lascia spalancate le porte per Rien ne va plus, lasciando a noi lettori la giusta suspense.

Fate il vostro gioco

Fate il vostro gioco. Rocco Schiavone #7

Il ritorno di Rocco Schiavone. Questa volta il vicequestore deve vedersela con una storia di ludopatia, di avidità. Andando su e giù da Aosta al casinò di Saint-Vincent distante una manciata di chilometri si scontra con le incongruenze di uno Stato che lucra sul fallimento di famiglie trascinate nel fondo del barile dal demone del gioco d’azzardo. Nonostante la complessità dell’indagine Rocco non dimentica e cerca di ricucire i rapporti coi suoi amici romani: Sebastiano è ai domiciliari, Furio e Brizio a malapena gli rivolgono la parola.

RECENSIONE

Finalmente ho recuperato la prima parte degli ultimi romanzi di Antonio Manzini, Fate il vostro gioco. Il romanzo lascia spalancate le porte per Rien ne va plus, lasciando a noi lettori la giusta suspense.

Rocco Schiavone è ancora il mio vicequestore preferito, un po’ cupo e malinconico in questo capitolo. Ci sono questioni da chiudere definitivamente, amicizie da recuperare e la massima rottura di coglioni per Schiavone: un omicidio.

Un uomo viene trovato morto in casa, in mano una fiche del casinò di Sanremo. Peccato che il cadavere sia a Saint-Vincent… Ecco il caso che Manzini deve far risolvere in Fate il vostro gioco.

E Rocco indaga, scopre e incastra l’assassino come sempre ma manca qualcosa. Intanto chi ha ordinato a Caterina di spiarlo? In Fate il vostro gioco non lo scopriremo ancora. Ma in questo romanzo viene dato ampio spazio a Italo, ai problemi legati alla ludopatia e alle conseguenze dell’esserne dipendenti.

Un romanzo maturo, incompleto ma perfetto. Il prossimo passo è dare spazio a Rien ne va plus!

Acquistami! AUTORE

Attore e sceneggiatore, romano (allievo di Camilleri all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica), ha esordito nella narrativa con il racconto scritto in collaborazione con Niccolò Ammaniti per l’antologia Crimini.  Del 2005 il suo primo romanzo, Sangue marcio (Fazi). Con Einaudi Stile libero ha pubblicato La giostra dei criceti (2007). Un suo racconto è uscito nell’antologia Capodanno in giallo (Sellerio 2012). Del 2013, sempre per Sellerio, ha pubblicato il romanzo giallo Pista Nera. Secondo episodio della serie: La costola di Adamo (Sellerio 2014). Nel 2015 pubblica Non è stagione (Sellerio), Era di maggio (Sellerio) e Sull’orlo del precipizio (Sellerio). Del 2016 è Cinque indagini romane per Rocco Schiavone (Sellerio).

Default image
Niente di Personale
Benvenuti nel mio piccolo e "rinnovato" blog. Mi chiamo R. e sono una lettrice forte. Le mie passioni sono i libri, la cucina, i libri di cucina, il the verde con la menta, la magia e il mondo dell'informatica. Sono una frana a fare le foto e non sono brava con i lavori manuali.
Articles: 320