fbpx Skip to content

Come creare l’ambientazione

personaggi

L’ambientazione della storia

È l’autore che sceglie il luogo dove svolgere la sua storia. Questo luogo, reale o di fantasia, si chiama ambientazione. Fondamentale è sapere dove i personaggi vivono e interagiscono perché l’ambientazione influisce sul loro carattere. Possiamo scegliere di collocare i personaggi in un ambiente fatto su misura per loro oppure costringerli a vivere in un ambiente ostile.

L’ambientazione deve stimolare l’immaginazione del lettore, non costringerlo a inventarsi tutto. Questo costringe te, autore, a conoscerla perfettamente. Può essere una città che conosci a menadito o puoi svolgere lunghe ricerche che ti permettono di conoscerla come se ci fossi stato. Anche in questo caso vale la regola valida per i personaggi, dovete imparare a descriverla come se fosse qualcosa di vivo. Come se anche il lettore si trovasse all'interno della tua ambientazione durante la lettura.

Tieni in considerazione che l’ambientazione va svelato durante il corso del romanzo o del racconto ma deve essere ben chiara nella tua testa e i tuoi personaggi devono interagire perfettamente con essa.

Come scegliere il posto

Noi, come persone, non possiamo decidere dove nascere e dove vivere. Almeno non finché non decidiamo di prendere in mano la nostra vita e trasferirci dove più ci aggrada. In un racconto o romanzo, questo non può assolutamente accadere. È l’autore a dover decidere dove si svolgeranno  fatti e per questo motivo la scelta dell’ambientazione non può mai essere sottovalutata.

L’ambientazione della storia

Oltre all'area geografica è importante anche stabilire l’epoca in cui si svolgono i fatti. Anche in questi casi, se deciderai di ambientare il tuo racconto in un periodo diverso dal tuo, metti in conto di fare ricerche approfondite su usi e costumi dell’epoca, sulla modalità di pensiero o l’abbigliamento. Niente va lasciato al caso. Osservare la realtà che ci circonda può essere un ottimo punto di partenza ma anche possiamo inventarcelo di sana pianta.

L’ambientazione nel racconto fantascientifico

Molto spesso si ha la credenza che scegliere un’ambientazione inventata sia più semplice di una realmente esistente. Pensate a uno come Tolkien o Martin, che han creato due mondi puramente inventati e con essi anche abitudini, società, tecnologie…

Quindi, quali sono gli aspetti che bisogna considerare nello scrivere una storia di fantascienza?

Periodo storico: l’ambientazione deve risalire a parecchi decenni in avanti. Più è lungo il divario fra il periodo storico in cui la storia è scritta e pubblicata e più risulterà verosimile.

Tecnologia avanzata: Non dico che uno scrittore debba trasformarsi in un ingegnere elettronico, ma deve saper inventare un mondo più avanzato di quello contemporaneo. Se nel vostro mondo governano dei robot di sicuro non si sposteranno sul Pandino…

Realtà sociali: la società si evolve, in funzione anche della tecnologia. Lo scrittore deve saper inventare una nuova società, che ha gusti, necessità e mode differenti e lontane da quelle odierne. L’autore deve riuscire a formulare sulla carta un nuovo modello di società basato su principi diversi da quelli attuali. Ad esempio un vizio condannabile in quest’epoca può trasformarsi e diventare una virtù fra mille anni o viceversa.

Scroll To Top