La ragazza della lunaLa ragazza della luna. Le sette sorelle #5

Dai paesaggi incontaminati della Scozia allo splendore assolato della Spagna, il quinto magico episodio della saga bestseller delle Sette Sorelle.

Sono trascorsi ormai sei mesi dalla morte di Pa’ Salt, e Tiggy, la quinta delle sorelle D’Aplièse, accetta un lavoro nella riserva naturale di Kinnaird. In questo luogo selvaggio e completamente isolato nelle Highlands scozzesi, si dovrà occupare di una razza felina a rischio di estinzione per conto di Charlie, l’affascinante proprietario della tenuta.

Qui Tiggy incontra Cal, il guardacaccia e coinquilino, che presto diventerà un caro amico; Zara, la figlia adolescente e un po’ ribelle di Charlie e Zed Eszu, corteggiatore insistente nonché ex fidanzato di una delle sorelle. Ma soprattutto incontra Chilly, un vecchio gitano che sembra conoscere molti dettagli del suo passato e di quello di sua nonna: la famosa ballerina di flamenco Lucía Amaya Albaycín.

Davvero una strana coincidenza, ma Tiggy ha sempre avuto un intuito particolare, una connessione profonda con la natura. Questo incontro non è casuale, è parte del suo destino e, quando sarà pronta, non dovrà fare altro che seguire le indicazioni di Pa’ Salt e bussare a una porticina azzurra nel Cortijo del Aire, a Granada.

Recensione

Con l’uscita de La ragazza del sole non potevo non leggere La ragazza della luna. In questo quinto capitolo conosciamo Tiggy e la sua antenata, Lucía Amaya Albaycín. Uno spirito libero, un’amante della natura, vegana e con il flamenco nel sangue. Questa è Tiggy, Taygete.

Tra tutti e cinque i romanzi della serie, La ragazza della luna è quello che mi è piaciuto meno. Tiggy dopo la morte del padre si mette alla ricerca di un nuovo lavoro e finisce così nella tenuta di Charlie Kinnaird per far riprodurre i gatti selvatici di cui si è presa cura fino a quel momento.

Il carattere di Tiggy è particolare, fa amicizia con tutti ma è al contempo riservata. Ha come un sesto senso per le cose, “ sente” in un modo che nessuno può sentire e in qualche modo noi sentiamo con lei. Nonostante questo e nonostante la presenza di Chilly la sua storia non mi ha trasmesso molto.

Ho riposto tutto nella storia della sua antenata, che però si è rivelata anche peggiore. Lucía ha sicuramente un grande talento per la danza e il padre José non esita nemmeno un momento a sfruttarla e farla diventare fonte di reddito perpetuo. Lucía però si rivela ben presto ingenua ed egoista.

La storia de La ragazza della luna si svolge su due piani temporali e due ambientazioni molto diverse. La storia di Tiggy, nel 2008 ambientata in Scozia prima e in Spagna poi. La storia della sua antenata inizia invece a Sacromonte in Spagna ma si sposterà in Portogallo, Argentina e Stati Uniti.

Tiggy, al contrario delle altre sorelle, mi è sembrata insignificante. Non emerge praticamente mai, se non negli ultimi capitoli dell’intero romanzo. Viene dato molto più spazio all’antenata Lucía, la sua storia prende il sopravvento sulla storia della discendente e secondo me c’è troppa disparità tra le due storie.

Cal e Charlie sono i due cavalieri senza armatura che corrono in soccorso della fanciulla nel momento del bisogno, ma quando Tiggy ha davvero bisogno?

Il personaggio che mi è piaciuto meno insieme a Lucía è stato Zed. Fin da subito mi è sembrato viscido, ricco da fare schifo ma soprattutto la sua ostentazione. Il fatto che pensa di poter comprare tutto e tutti mi ha fatto salire il sangue al cervello…

Nella totalità La ragazza della luna non è un brutto libro ma penso che ci sia stato un calo di attenzione da parte mia. Mi sono trascinata la lettura per quasi due settimane, molti capitoli mi sono sembrati noiosi e il fatto che la personalità di Tiggy non emerga mai mi ha fatto storcere un po’ il naso.

Speriamo che La ragazza del sole, ultimo romanzo della serie, sia un po’ più accattivante…