Bianco Letale. Cormoran Strike #4Bianco Letale. Cormoran Strike #4

Quando il giovane Billy, in preda a una grande agitazione, irrompe nella sua agenzia investigativa per denunciare un crimine a cui crede di aver assistito da piccolo, Cormoran Strike rimane profondamente turbato.

Anche se Billy ha problemi mentali e fatica a ricordare i particolari concreti, in lui e nel suo racconto c’è qualcosa di sincero. Ma prima che Strike possa interrogarlo più a fondo, Billy si spaventa e fugge via.

Cercando di scoprire la verità sulla storia di Billy, Strike e Robin Ellacott – una volta sua assistente, ora sua socia – seguono una pista tortuosa, che si dipana dai sobborghi di Londra alle stanze più recondite e segrete del Parlamento, fino a una suggestiva ma inquietante tenuta di campagna.

E se l’indagine si fa sempre più labirintica, la vita di Strike è tutt’altro che semplice: la sua rinnovata fama di investigatore privato gli impedisce di agire nell’ombra come un tempo e il suo rapporto con Robin è più teso che mai. Lei è senza dubbio indispensabile nel lavoro dell’agenzia, ma la loro relazione personale è piena di sottintesi e non detti…

Finora il romanzo più epico di Robert Galbraith, Bianco letale è un nuovo capitolo dell’appassionante storia di Cormoran Strike e Robin Ellacott, ancora insieme in un thriller mozzafiato. 

Recensione

Dalla penna della creatrice del maghetto più famoso del mondo non ci si aspetta certo che nascano dei thriller. Eppure Bianco Letale questo è, un thriller. Non buonissimo ma sicuramente non è da scartare a priori.

Robin è combattuta. Da un lato il suo capo, Cormoran Strike, e dall’altro il ragazzo con cui sta da tutta la vita Matt. Il primo l’ha licenziata e il secondo è felice che lei abbia perso il lavoro.

L’abisso tra i due personaggi è così profondo che ho amato Cormoran come non l’avevo mai amato nei libri precedenti. La storia coinvolge molti personaggi e che convergono tutti nella stessa direzione.

Nonostante la mole di pagina, circa 800, Bianco Letale si legge piuttosto velocemente. Finalmente Robin si libera di quel marito fastidioso e Cormoran riesce a liberarsi dello spettro di Charlotte. Entrambe storie tossiche e deleterie per i nostri personaggi!

Robin l’ho trovata particolarmente lagnosa nella prima parte ma nella seconda parte si rivela invece forte, coraggiosa e astuta. Cormoran è Cormoran, con il suo cipiglio costante e il costante dolore alla gamba.

Lo stile è fluido e la lunghezza del libro non pesa sulla lettura effettiva. Ci sono capitolo che scorrono via in un attimo e altri che sono un po’ meno fluenti ma nel complesso è un libro che in meno di una settimana si legge. Bianco Letale è il quarto romanzo della serie dedicata a Strike e sono certa che gli appassionati non vedono l’ora di leggere il quinto!