[RECENSIONE] Warrior

warriorWarrior

Darius ha perso tutto. La sua terra, Andurian, è caduta sotto la dominazione dell’Impero di Caio Settimo, sua madre è stata messa al rogo per aver guidato la resistenza e sua moglie e suo figlio sono state vittime di uno spaventoso incidente. Così, in un mondo postmoderno soggiogato da un regime sanguinario che unisce tecnologie avanzate e schiavismo e nel quale gli umani si sono evoluti in nuove razze, Darius, ridotto in catene, si troverà costretto a combattere per puro spettacolo nelle arene di Xendria.

Ma quando non sembra esserci più speranza e il destino di tutta l’umanità pare ormai segnato, Darius troverà la forza per ribellarsi e, insieme ad alleati inaspettati, cercherà di trovare un modo per realizzare quella che sembra un’impresa impossibile: vendicarsi di Caio Settimo e liberare il mondo dalla sua tirannia. Un romanzo adrenalinico che vi farà vivere un’avventura indimenticabile e che vi farà sentire partecipi della battaglia più importante di tutte: quella per la libertà.

RECENSIONE

Siamo nel futuro e la prima persona che incontriamo è proprio Darius che sta assistendo alla condanna a morte della madre per aver portato avanti una ribellione ai danni di Caio Settimo. Nel momento in cui il rogo lambisce le gambe della madre si scatena il caos non solo ad Andurian ma anche nella vita nel nostro protagonista.

Primo approccio ad un Lanzetta fantasy che però non mi ha convinta del tutto. Ho trovato la storia di Warrior noiosa e per niente coinvolgente. Abituata ai thriller, romanzi con cui l’ho conosciuto come autore, mi aspettavo di ritrovare la stessa sensazione di affetto provata per Flavio e Damiano.

Con Darius e quindi anche con Warrior non è scattata la scintilla. Per essere un guerriero passa la maggior parte del romanzo ad essere prigioniero e anche quando riesce a liberarsi alla fine diventa solo prigioniero di altri. La sua lotta con Caio Settimo ci fa fare il tifo per Darius ma nonostante questo ci ho messo una settimana a leggere questo romanzo.

Mi spiace molto perché Antonio Lanzetta è un autore che amo molto, ho letteralmente divorato i suoi thriller ma con Warrior… che fatica! Ho intenzione di leggere anche il suo altro fantasy Revolution ma tra qualche tempo!

Con questo romanzo spunto un altro obiettivo della Twenty Books Challenge (che di Twenty ormai ha solo il nome, ripeto).