Questa volta leggo… #2

Questa volta leggo... #2

Ciao lettori, come state? Eccoci con il nuovo appuntamento con la rubrica Questa volta leggo... Per il mese di Febbraio l'argomento scelto era il romance. E sapete quanto io faccia fatica a leggere il genere... Eppure sono riuscita a portare avanti la lettura e non ritenerlo uno schifezza, anzi. Ogni tanto è bello anche essere stupite da letture che magari non faresti normalmente. La mia scelta è ricaduta su Un altro giorno ancora di Bianca Marconero.


Un altro giorno ancoraUn altro giorno ancora

Elisa Hoffman ha imparato presto a cavarsela da sola. Ultima di cinque fratelli, vive per la famiglia e per l’equitazione. L’esclusivo maneggio in cui lavora, alle porte di Milano, è il posto che ama di più al mondo, e mette da parte tutti i risparmi per riuscire a comprarsi Sparkle, un cavallo che ha addestrato per mesi.

Tutti i suoi sogni, però, si infrangono alla notizia che Andrea, un ragazzo terribilmente bello e ricco, ha offerto più soldi e ha acquistato il cavallo che le era stato promesso. Elisa non si dà pace e riversa su di lui tutto il suo risentimento. Ma Andrea è davvero così freddo come sembra, o sotto il ghiaccio si nasconde qualcosa di diverso?

Un imprevisto, un accordo e un’inattesa amicizia con il nemico permettono a Elisa di scoprire che il ragazzo, in realtà, possiede delle qualità inaspettate… Una storia sull'amore in tutte le sue declinazioni, e sui sentimenti che, come fiori selvatici, crescono in silenzio, senza che nessuno li annaffi.

Recensione

Ciao lettori! Questo mese mi è toccato un romance e con coraggio mi son buttata nella lettura di Un altro giorno ancora di Bianca Marconero. Il mio scetticismo si è subito scontrato con uno stile di scrittura che, anche se nel genere non mi ci trovo, mi ha coinvolta.

La storia di fondo, quella romantica, non mi ha particolarmente colpita ma Bianca ha avuto il pregio di non renderla stucchevole come molti altri romanzi di questo genere letterario. Un altro giorno ancora racconta la storia di Elisa e il suo essere ottusa. Oltre ai suoi quattro fratelli sono i cavalli il suo unico amore. Per la precisione Sparkle è il cavallo per cui sta risparmiando da mesi.

Ma l’acquisto di Sparke da parte di Andrea, ovviamente bellissimo come un dio, manda Elisa fuori di testa. Come in tutte le storie d’amore, Un altro giorno ancora non è da meno, lei è troppo cieca quello che per noi lettori è evidente dal terzo capitolo. Andrea cotto perso e lei non fa altro che vomitargli addosso tutto quello che la sua mente riesce a partorire.

E indovinate quindi il personaggio più odioso della storia? Bravi, proprio lei. Quella chiavica sorda e cieca (ma non muta) che per il 99% del libro sembra non capire un tubo della persona che ha davanti. Perché come nella vita tutti ci fermiamo all'apparenza e non sappiamo valutare chi abbiamo davanti.

Come dicevo però, la storia scorre che è un piacere. La prosa è fluida, le descrizioni son molto dettagliate e anche se, quando si parlava dei cavalli, ho capito sì e no il minimo indispensabile la lettura non ne ha risentito.